“Nessuno” di Salvatore Quasimodo

mte5ntu2mze2mzuyodqxmji3

“Nessuno”
Salvatore Quasimodo

Io sono forse un fanciullo
che ha paura dei morti,
ma che la morte chiama
perche’ lo sciolga da tutte le creature:
i bambini, l’albero, gli insetti;
da ogni cosa che ha cuore di tristezza.

Perche’ non ha piu doni
e le strade son buie,
e piu non c’e’ nessuno
che sappia farlo piangere
vicino a te, Signore.