Elio Fiorucci: avanguardia democratica

Elio Fiorucci nasce a Milano il 10 giugno del 1935 e comincia a lavorare presso il negozio di famiglia specializzato nella vendita di pantofole.
 
Il 1967 è l’anno della grande svolta non solo per lui, ma per la moda intera. Si butta a capofitto nell’opera dell’apertura del negozio che diventerà famoso in tutto il mondo sito in Galleria Passerella a Milano.
fiorucci-vintage-pubblicigtu
 
Tre anni dopo Italo Lupi disegnerà il celebre logo con gli angioletti vittoriani, oggi oggetto di numerosissime riproduzioni.
 
La carriera di Elio Fiorucci parte da una professionalità da subito completa e poliedrica: è stilista, talent scout, imprenditore e comunicatore. Fiorucci è più di uno stilista, più di un artista, è un filosofo in continua ricerca che si aggira nel mondo della produzione e dell’offerta di “cose” da acquistare con il talento del cercatore d’oro: studia, cerca, setaccia, incamera, sviscera nuove idee.
fiorucci-vintage-adv-3
 
E’ un habitué delle mostre d’arte in quanto luoghi dove avverte una certa creatività, una vita, una volontà di comunicare che ne ispira l’estro geniale che riversa nella produzione dei suoi capi.
 
Ogni volta è un vero e proprio trionfo: dall’arredo anticonformista alle lampade al quarzo iodio, dalle lacche bianche alle scale dipinte di celeste, sono tutte caratteristiche che fanno emergere l’estro creativo ed artistico dell’inventore/talent-scout nato per rivoluzionare ogni canone della moda.
elio-fiorucci-si-racconta-uk-translation-1433433504elio-fiorucci-store-1000x600fiorucci-1fiorucci7fiorucci-campanha-publicitaria