“Uomini contro”: gli orizzonti di gloria di Francesco Rosi

“Alla fine maggio 1916, la mia brigata – reggimenti 399° e 400° – stava ancora sul Carso. Sin dall’inizio della guerra, essa aveva combattuto solo su quel fronte. Per noi, era ormai diventato insopportabile. Ogni palmo di terra ci ricordava un combattimento o la tomba di un compagno caduto. Non avevamo fatto altro che conquistare…

Marco Tullio Giordana e il “Romanzo di una strage” (di Stato)

La verità sui fatti di Piazza Fontana è ancora là fuori, ma ogni giorno diventa sempre più piccola e prima o poi sparirà del tutto, perché né documenti né memoria d’uomo riusciranno a riportarla indietro. Durante l’infinito iter di processi, fra Roma e Milano, moltissimi sono stati i condannati (Adriano Sofri di Lotta Continua per…

Un capolavoro a metà: Bernardo Bertolucci e “Il tè nel deserto”

Bernardo Bertolucci è da molti considerato uno dei registi italiani più influenti e amati di sempre. La sua è una fama riconosciuta sia in patria che all’estero – soprattutto negli USA, dove gli è stata dedicata una stella sulla celebre Hollywood Walk of Fame. Alcune delle opere di Bertolucci tuttavia, in particolare Novecento (1976) e…

Senza scampo: Matteo Garrone e “L’imbalsamatore”

Il primo maggio del 1990 i cronisti di nera (qui l’articolo originale di Repubblica, nda) riportano il resoconto dell’ennesimo interrogatorio riguardante la tetra vicenda del “Nano della stazione Termini“, alias Domenico Semeraro – un tassidermista 44enne il cui cadavere era stato ritrovato in una discarica abusiva sulla Prenestina, chiuso dentro un sacco. Dodici anni dopo…

Un’utopia firmata Erik Gandini: la teoria svedese dell’amore

Nel 1972, il primo ministro Olof Palme e l’allora partito di maggioranza svedese – la compagine socialdemocratica – delinearono un pragmatico manifesto che descriveva per filo e per segno la cosiddetta “famiglia del futuro“. Essa avrebbe dovuto agire entro le larghe maglie di un sistema socioassistenziale organizzato alla perfezione, il cui unico fine era assicurare…

Ricordi di piombo: “Il portiere di notte”

Ogni animale senziente è dotato di memoria, la facoltà che gli permette di fare esperienza dei propri errori, migrare o ritrovare la strada di casa. Negli esseri umani, tuttavia, essa subisce gli influssi di complessi meccanismi quali rimozione e fallacia mnemonica, spesso collegati all’elaborazione o alla soppressione di traumi. Il cinema estero – da Alfred…